Il nostro blog

Thetacommerce le spezie

Il valore delle spezie è intrinseco nel loro nome.

Spezie deriva dal latino species che indica una merce speciale, di valore, diversa dalla merce ordinaria.

Alcune spezie sono considerate alimenti per dimagrire

Esse sono, infatti, ricche di vitamine e sali minerali, aiutano a ridurre la quantità di grassi e sali usati in cucina, ed alcune di esse sono considerate alimenti per dimagrire.

Anice stellato

Anice Stellato

5.00
Anice stellato polvere
Cannella
Cannella in polvere
Confezione Regalo di Natale 2018
Curcuma

Curcuma polvere

3.0010.00
Hot curry

Curry Hot

3.005.00
Curry mild

Curry Mild

3.005.00
Garam masala

Garam Masala

5.00
Sale rosa dellhimalaya

Sale rosa dell’Himalaya 

2.506.00
Sumac 1

Sumac

5.008.00
Tandoori masala

Tandoori Masala

5.00
Zenzero in polvere

Zenzero polvere

3.0015.00
Le spezie accompagnano l’uomo da millenni. le prime evidenze dell’uso di esse risalgono infatti addirittura a 50 mila anni fa. Due spezie spiccano particolarmente: il  sale e il pepe. Attualmente le troviamo in tutte le case, in ristoranti e pub ci attendono già sui tavoli

Col termine spezie, più in generale, si indicano sostanze dalle proprietà aromatiche di origine vegetale (ad esempio, pepe, zenzero, chiodi di garofano, cannella, noce moscata), spesso di provenienza esotica, che vengono usate per aromatizzare e insaporire cibi e bevande, e, specialmente in passato, usate anche in medicina e in farmacia.

Molte di queste sostanze hanno anche altri usi, ad esempio per la preservazione del cibo in ritualire ligiosi, cosmesi o profumeria. Ad esempio, la curcuma è usata anche nell’ayurveda; la liquirizia ha proprietà officinali; l’aglio viene usato come vegetale nella cucina.

Va specificato che  le spezie si distinguono dalle erbe aromatiche: queste ultime sono parti verdi o foglie fresche di piante usate per dare sapore, mentre le spezie non sono fresche ma sono in genere essiccate.

Le spezie vantano, inoltre, una storia millenaria.

Le prime evidenze dell’uso di esse risalgono infatti addirittura a 50 mila anni fa. Due spezie spiccano particolarmente: il  sale e il pepe.

[rev_slider alias=”slider11″]

Gli egizi ad esempio le offrivano agli operai impiegati nella costruzione della piramide di Cheope per mantenerli in forza e perchè si pensava allontanassero le epidemie.

Nel mondo greco e durante tutto il medioevo erano considerate merce di estremo valore.

Tra gli alimenti per dimagrire non può non essere citato lo zenzero.

Originario dell’India e Malesia, si sviluppa meglio nelle zone tropicali.

Detto anche Ginger è un alimento dal gusto gradevole: si presenta come una specie di tubero, con forma irregolare, color marroncino nella parte esterna e giallo pallido in quella interna.

La parte medicinale di questa pianta erbacea risiede nel rizoma, ricchissimo di olio essenziale da utilizzare come rimedio naturale contro mal di testa, dolori articolari e nausea. Lo zenzero viene considerato, inoltre, l’afrodisiaco vegetale per eccellenza: è uno stimolante usato da molto tempo in Cina contro l’impotenza e dai cinesi viene considerato un valido tonico Yange.

Infine, ha proprietà anticoagulanti ed un uso costante può abbassare il colesterolo.

In cucina tale spezia è usata nei piatti a base di pesce, carne, verdure, torte e biscotti.

Gli Indiani, anticamente, usavano masticarla per purificare l’alito prima delle cerimonie religiose per onorare al meglio gli Dei.

Anche se non comunemente considerato alimento per dimagrire la cannella è spezia dalle mille proprietà ed usi.

Citata infatti nella Bibbia, nel libro dell’esodo, era utilizzata dagli egizi, e perfettamente conosciuta nel mondo greco e latino.

E’ una pianta sempreverde, appartenente alla famiglia delle Lauraceae ed è diffusissima in Europa Quanto in Asia dove viene utilizzata da sempre anche per uso medico.

Infatti, oltre al comune utilizzo in cucina, dove viene impiegata soprattutto nei dolci a base di frutta, nella tradizione occidentale, e maggiormente nel salato, secondo quella orientale, proprio grazie alle sue proprietà benefiche se ne sta diffondendo il suo utilizzo in campo medico anche in Europa ed in tutto l’occidente.

Questa pianta, infatti, è considerata uno dei più potenti antiossidanti naturali, con un indice di valore circa 60 volte superiore a quello della mela.

Viene maggiormente usata per il trattamento delle infreddature, ed ha una considerevole azione antibatterica e antispatica.

La scienza, inoltre, è unanime nel riconoscerle la capacità di inibire lo sviluppo del colesterolo e dei trigliceridi nel sangue, oltre a lenire gli effetti di flatulenza e dispepsia.

E’ nota, infine, la sua azione antisettica soprattutto delle vie respiratorie.

Lascia un commento